navigation.php
single.php (default single for post => insights) content-single.php (Default Single Content For Post => Insights)

Crescita nel settore bancario: i trends da tener presente per una rapida crescita

Nell’ambito del settore bancario, in costante e rapida evoluzione, abbiamo oggi una certezza: la banca presente nel nostro immaginario, quella delle operazioni allo sportello, sparirà nei prossimi anni. Un’immagine confermata dai dati diffusi da Bankitalia: dal 2008 ad oggi, in Italia, siamo passati dai 34mila sportelli del 2008 ai 27 mila di oggi. Secondo alcune stime (fonte KMPG) in Italia resteranno solo 15.000 sportelli entro i prossimi 5 anni.

In questo scenario mutato, dov’è d’obbligo per le banche confrontarsi con realtà come fintech, cloud, AI e big data, la domanda fondamentale è la seguente:

Quali sono i asset che permetteranno alle banche di competere ed emergere nella new digital economy?

1) Meno sportelli, più consulenti

Se gli sportelli saranno sempre meno nei prossimi anni, cresceranno all’interno delle banche nuovi punti di incontro tra consulenti e clienti, dove sarà possibile dialogare e trovare soluzioni orientate al risparmio e alla protezione del patrimonio.

2) Polarizzazione dei servizi

Nel settore crescerà la competizione anche in termini di costi, con una polarizzazione tra servizi “premium” (come, ad esempio, i servizi di gestione del risparmio o dei finanziamenti) e “free” (servizi basic, gestiti in autonomia dal cliente grazie alle tecnologie digitali e proposti “a pacchetto”)

3) Tecnologia digitali
 
Innovazione digitale resta la parola chiave per le banche che vogliano espandere la propria quota di mercato attraverso l’implementazione rapida di versioni migliori ed economiche dei servizi esistenti.

4) Nuovi servizi customer-oriented

Generare più revenues dai clienti esistenti identificando e offrendo nuovi servizi a valore aggiunto che desiderano. Alcune banche, ad esempio, iniziano a fornire dati alle PMI sui comportamenti di acquisto dei consumatori e con le stesse si rafforzerà il patto “informativo”: le banche dovranno offrire credito in modo più rapido ed efficiente a fronte di una maggiore visibilità sul business 
Un altro esempio: i mutui saranno maggiormente personalizzati e arricchiti di servizi accessori). 

In quest’ottica, sarà premiante sviluppare nuovi tipi di servizi e attività commerciali oltre a quelli bancari, ad esempio consigli sullo stile di vita dei consumatori o strumenti e risorse relativi all’acquisto (ad esempio casa, auto o attrezzature di grandi dimensioni) o piattaforme incentrate sugli imprenditori per i clienti delle piccole imprese.